Monday, September 29, 2008

L’italiano, una lingua che imparo


Mi piace sempre imparare lingue e credo che ogni lingua ha la sua propria struttura e bellezza, e anche, come tutti gli esseri umani, ha diritto alla vita. È adesso scrivo in italiano non perché già posso farlo senza difficoltà, però piuttosto perché voglio imparare a scrivere qualcosa molto semplice in questa lingua, la di Dante e Boccaccio. Penso que è più facile cominciare con qualche cosa che non ha bisogno di molta energia. Espero che sia d’accordo con mi.

I miei cari lettori, oggi non posso ancora dire tutto in questa bella lingua perché per fare una sola frase, ho bisogno di pensare più di una volta – è veramente un’esercizio di linguistica. Comunque, ho fato qualcosa nuova ed impegnativa nella mia vita e debbo continuarlo benché sia faticoso. Quanto spesso fa qualcosa nuova nella sua vita?

Per concludere, voglio dire che imparare una lingua è come aprire una porta di tesoro. Dato che ogni lingua è parte integrale di una cultura, è migliore conoscere una cultura per mezzo di sua lingua. Però ognuno ha la sua propria ragione di fare qualcosa, vero? Buona fortuna!


Yogyakarta, 23 agosto 2008

No comments: